Shopping Cart
item - € 0,00

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: € 0,00

Certificazioni di qualità Prodotti

I marchi di qualità per il tessile naturale dell'associazione internazionale dell'industria del tessile naturale (IVN).
 

NATURTEXTIL E GOTS


Il marchio di qualità NATURTEXTIL IVN ZERTIFIZIERT BEST è un'etichetta di riconoscimento per l'abbigliamento prodotto secondo gli standard più ecologici attualmente possibili. Questo marchio di qualità della IVN garantisce le massime prerogative possibili in fatto di ecologia e supera di molto i requisiti del GOTS. La differenza consiste fondamentalmente nel fatto che i prodotti tessili devono essere realizzati al 100 % con fibre ecologiche certificate. La lista dei colori e delle sostanze ammesse è più limitata rispetto a quella del GOTS, p.es. non viene ammessa alcuna eccezione per il rame nei colori che contengono metalli pesanti. La mercerizzazione, ovvero la nobilitazione dei filati di cotone mediante immersione in soluzione di soda caustica allo scopo di aumentarne la lucentezza, è proibita. Anche gli sbiancanti ottici non sono consentiti. Inserti, fili di ricamo o nastri di viscosa per le decorazioni e gli accessori non sono permessi, dovendo utilizzare anche qui solo ed esclusivamente fibre naturali.

Con GLOBAL ORGANIC TEXTILE STANDARD (GOTS), l'etichetta unitaria internazionale per il tessile ecologico, sono insigniti quei prodotti tessili che rispondono alle richieste basilari e tuttavia ad un elevato livello tecnico ecologico. Solo le ditte che si attengono alle rigide direttive dell'IVN ricevono il permesso di certificare così i propri prodotti. Soltanto per calzini, fuseaux e abbigliamento sportivo possono essere utilizzate fino al 25% di fibre sintetiche. Indipendentemente da questo il 70% delle fibre vegetali o animali devono provenire da agricoltura o allevamento biologici (kbA o kbT).Nella coltivazione ecologica di fibre si rinuncia a qualsiasi concime o trattamento chimico sintetico di difesa della pianta e si pretende un tipo di allevamento giusto per il tipo di specie in questione. La coltura biologica protegge il suolo, l'acqua e l'aria, mantiene la biodiversità e rinuncia alla manipolazione genetica. Nella lavorazione delle fibre è importante limitare determinati processi chimici: si può sbiancare solo tramite ossigeno ed è vietata la clorurazione della lana. Al contrario procedimenti termici o meccanici non sono pericolosi. Per la colorazione e la stampa delle stoffe possono essere usate solo quelle sostanze non pericolose per la natura e da un punto di vista ecologico, che sono permesse dagli organi di certificazione. Colori con metalli pesanti tossici, solventi aromatici o il gruppo dei pericolosi azocoloranti sono tabù. Alcuni tessuti vengono arricchiti di proprietà funzionali quali p.es. l'ingualcibilità, l' idrorepellenza o l'antipilling. Nel tessile naturale questo “finissaggio” può essere ricercato solo attraverso processi meccanici, termici e altri processi fisici. Gli eccipienti sintetici sono permessi solo per ammorbidire, follare o per la feltratura. Sostanze problematiche come p.es. metalli pesanti tossici, formaldeidi, solventi aromatici, clorofenolo o determinate combinazioni allogene sono vietate durante l'intero processo di produzione. Tutte le sostanze devono essere biodegradabili e non possono gravare su suolo, aria o acqua. Accessori come applicazioni, inserti, rivestimenti, cordini e spallini sono in fibre naturali o in viscosa. Nelle chiusure lampo il metallo deve essere privo di cromo e di nichel per evitare le allergie. Per garantire la qualità dei prodotti tessili sono stati stabiliti degli appositi requisiti di resistenza alla luce, al sudore, alla saliva, al lavaggio e al restringimento. Tutti i prodotti finiti devono rispettare i valori massimi di residui fissati in un'ampia lista di sostanze nocive alla salute ed inquinanti.

La normativa ILO (International Labour Organisation) definisce i criteri sociali minimi per l'etichetta GOTS: divieto di lavori forzati, di lavoro infantile, di maltrattamenti o discriminazioni, salari equi, tutela giuridica del lavoro e libertà d'associazione.

L'obiettivo del GOTS, e delle sue norme, è quello di definire tutti quei requisiti che garantiscono lo status biologico dei prodotti tessili. I criteri normativi GOTS permettono di certificare l'intera filiera, dalla semina alla raccolta delle materie prime, alla trasformazione, fabbricazione, produzione, confezionamento, etichettatura, importazione od esportazione dei prodotti finali, attraverso il rispetto ambientale e socialmente responsabile, al fine di fornire garanzia credibile per il consumatore. Vorremmo inoltre sottolineare che all'interno del certificato GOTS ci sono una serie di norme che regolamentano la qualità delle condizioni di lavoro per gli operatori, il rispetto di norme igieniche e di sicurezza, libertà di contrattazione collettiva e il divieto assoluto di sfruttamento del lavoro minorile. Solo i prodotti che rispettano tali norme possono e devono essere certificati ed etichettati Global Organic Textile Standard (GOTS).

FIDUCIA NEL TESSSILE 
 


OEKO-TEX standard 100

OEKO-TEX standard 100 è un marchio ecologico che ci permette di certificare, oltre ai tessuti, anche il loro processo di tintura. Il laboratorio, attraverso accurati processi di verifica, certifica il rispetto dei parametri internazionali riguardanti la presenza ed il rilascio di sostanze nocive, come pesticidi, metalli pesanti, ammine aromatiche, coloranti allergizzanti, ecc., nei prodotti finiti. La certificazione delle tinture OEKO-TEX standard 100, garantisce al consumatore finale un attento controllo dal punto di vista ecologico e salutare. L'elenco dei criteri di valutazione del prodotto viene redatto in base alle disposizioni di legge relative alle sostanze nocive ed ai parametri per i quali le valutazioni scientifiche di tali sostanze dimostrino effetti negativi per il consumatore. Requisiti e limiti sono costantemente aggiornati sulla base delle più recenti conoscenze medico scientifiche.

NORDIC ECOLABELFSCDERMATOLOGICALLY TESTED 


Sono i marchi di qualità dei pannolini ecocompatibili Bambo Nature
Il marchio nordico di qualità ecologica “SWAN” garantisce il loro impatto ambientale minimo rispetto ai pannolini convenzionali. La definizione di "impatto ambientale minimo" si riferisce non solo al pannolino gettato dopo il suo utilizzo, ma anche a tutta una serie di misure adottate durante l'intero ciclo produttivo volte a minimizzare la produzione di rifiuti e lo spreco di energia (il 20% dell'energia utilizzata per produrre i pannolini Bambo proviene da fonti alternative). Il marchio di qualità Swan certifica inoltre che il prodotto è sicuro e attento al benessere del bambino.

Tra i requisiti del marchio:

  • Nessun ingrediente chimico dannoso per la salute e l'ambiente
  • Nessun utilizzo di sbiancanti ottici o profumi 
  • Nessun utilizzo di lozioni idratanti
  • Tetto massimo di rifiuti generati durante il processo produttivo
  • Gli ingredienti prevedono unicamente materie prime rinnovabili 
     

Il marchio FSC garantisce che il fluff assorbente utilizzato proviene da foreste gestite in maniera corretta e responsabile, dove maggiore è il numero di alberi piantati rispetto a quelli abbattuti.

I pannolini BAMBO Nature sono dermatologicamente testati. Questo assicura che il prodotto non provoca allergie o irritazioni della pelle.


NATURAL COSMETICS 


Prodotti di cosmesi con il marchio di controllo BDIH “cosmetica naturale controllata” usano principi attivi naturali come per esempio oli vegetali, grassi e cere, estratti d'erbe e acque profumate, oppure oli essenziali e aromi ricavati da una coltivazione biologica controllata oppure da una raccolta selvatica.

Oltre ad un'accurata scelta delle materie prime vegetali, è di grande importanza anche la compatibilità ambientale, dunque il processo di lavorazione a basso impatto ambientale e di risorse, di ogni prodotto, come pure la miglior possibile degradabilità dei principi attivi, nonché l'uso parsimonioso di confezioni riciclabili.
Caratteristiche principali dei cosmetici certificati BDIH:

  • Nella composizione di questi cosmetici non rientrano coloranti, profumi sintetici, materie prime etossilizzate, silicone, paraffine e altri derivati del petrolio;
  • La conversione dalle materie prime in prodotti cosmetici finiti avviene mediante processi per lo più fisici e poco chimici;
  • La maggior parte delle materie prime utilizzate è di origine vegetale con alcune aggiunte minerali e di origine animale;
  • Le materie prime utilizzate provengono prevalentemente da coltivazioni biologiche controllate, senza l'impiego di OGM;
  • L'intero processo di produzione deve essere il più possibile ecologico, garantendo la biodegradabilità delle materie prime e l'utilizzo, per i prodotti finiti, di imballaggi parsimoniosi ed ecologici.

 
NATRUE
 

NATRUE (True Friends of Natural and Organic Cosmetics)

NATRUE è il nuovo marchio di cosmesi naturale, nato dall'esigenza di distinguere gli autentici cosmetici naturali e biologici da quelli che si presentano come tali ma non lo sono. Ci si aspetta, infatti, che i cosmetici naturali contengano ingredienti naturali. Tuttavia non esiste alcuna legge che citi quali sostanze possano e debbano essere contenute in un cosmetico naturale.

Questa carenza ha portato alla nascita di un gran numero di marchi con diversi criteri, molto spesso poco chiari. Per questo motivo le aziende impiegate in progetti di sostenibilità legati alle produzioni biologiche, hanno voluto ed aiutato la nascita di NATRUE, il cui obbiettivo è rafforzare la fiducia nell'autentica cosmesi naturale e biologica e fornire ai consumatori di tutto il mondo chiare rassicurazioni. Solo i prodotti che superano rigorosi controlli su qualità e naturalezza delle materie prime contenute possono aspirare ad ottenere la certificazione NATRUE.

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito usa i cookies. Continuando con la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookies. Per saperne di più clicca qui
x